Commenti

7 Novembre 2019

Emmanuel Hauptmann

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Global Sustainable Income Equities Fund ha chiuso il mese di ottobre in rialzo del 3,19%* (classe Ip USD al netto delle commissioni), sovraperformando l'indice MSCI World High DY TRN, che ha guadagnato il 2,41%. L'apparente allentamento delle tensioni tra Stati Uniti e Cina e l'ottimismo sulla Brexit hanno continuato a spingere al rialzo gli asset rischiosi, tuttavia una serie di indicatori macroeconomici deboli ha offuscato il clima di fiducia a ottobre, Nonostante i segnali indicanti che la debolezza causata dalla spinta protezionistica si sta diffondendo al di là del settore manifatturiero, gettando un'ombra sul contesto di crescita globale, i mercati hanno preferito concentrarsi sulle misure di sostegno adottate dalle banche centrali. Queste ultime hanno infatti effettuato una svolta accomodante nel 2019 (una mossa insolita in un contesto di fine ciclo), contribuendo a estendere un'espansione economica già prolungata. Il taglio dei tassi operato dalla Fed a fine periodo è stato l'ultimo atto di questo orientamento accomodante. L'inflazione, che continua ad accelerare mentre la crescita si attenua, resta un problema per gli istituti centrali. In Europa l'attività economica resta modesta: l'indice PMI relativo al settore manifatturiero tedesco è in fase di contrazione e la produttività britannica sta rallentando al ritmo più rapido degli ultimi cinque anni. Nei mercati emergenti, Cina e India hanno entrambe offerto un saggio di quale sia lo stato di salute della loro economia, in particolare la Cina, dove il comparto manifatturiero si è contratto per il sesto mese consecutivo. Negli Stati Uniti, il settore manifatturiero e gli investimenti aziendali continuano a evidenziare un deciso rallentamento. Nonostante questo contesto, i modelli di selezione applicati sia in Nord America che in Asia hanno generato una performance positiva, mentre l'Europa ha segnato il passo. A livello geografico, gli USA hanno generato un alfa elevato, grazie all'apporto dei titoli a più alto beta nei settori dell'informatica e della salute e al sottopeso sui servizi di pubblica utilità. In Giappone, i titoli del comparto salute hanno contribuito favorito la performance e anche il settore dei servizi di pubblica utilità cinesi si è dimostrato un fertile terreno di caccia. Invece, l'esposizione alla sterlina britannica si è rivelata controproducente, generando perdite che hanno annullato i guadagni ottenuti grazie alla selezione dei titoli nel Regno Unito. Su altri versanti, la selezione dei titoli dei beni voluttuari e industriali sul mercato tedesco ha eroso la performance.    

*Fonte: RAM Active Investments