Commenti

9 Aprile 2020

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds - European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il fondo RAM (Lux) Systematic Funds – European Equities Fund ha registrato una flessione del 19,46%* (classe Ip EUR al netto delle commissioni).
L'Europa è diventata il nuovo epicentro della pandemia di Coronavirus, colpendo particolarmente Italia, Francia e Spagna. Il numero di decessi ha continuato ad aumentare di pari passo con l'esigenza di azioni imponenti da parte di Governi e Banche Centrali.
L'impatto sull'economia europea ha raggiunto dimensioni epocali: l'attività aziendale è crollata sui minimi storici, con brusche flessioni sia nel manifatturiero sia nel terziario (il PMI europeo è sceso al minimo assoluto di 31,4).
La risposta della BCE si è concretizzata con l’annuncio dell'acquisto di altri EUR 750 miliardi di obbligazioni, mentre i singoli Paesi dell’Unione si muovono in ordine sparso per cercare di contenere gli impatti sulla popolazione e sul tessuto economico.
Il Regno Unito ha varato misure simili introducendo stimoli monetari per oltre GBP 200 miliardi.
La rapidità della correzione di marzo non ha guardato in faccia nessuno: le brusche impennate di volatilità, sommatesi al peggior primo trimestre per i mercati azionari europei dal crollo del 1987, hanno lasciato ben pochi rifugi. La correzione azionaria è stata indiscriminata e la sua violenza ha riportato alla mente la fine del 2008.
Dopo due anni di sottoperformance delle Small Cap e dei titoli Value, la situazione potrebbe finalmente cambiare, analogamente a quanto accaduto a fine 2008.

Dal punto di vista del posizionamento e dei risultati

  • Tra i titoli Value, le scelte operate nel settore dei beni di consumo voluttuari sono state le più penalizzanti, a causa soprattutto delle società di edilizia residenziale britanniche.
  • Pur avendo dimostrato buona tenuta in un primo momento, anche i titoli Momentum sono stati colpiti duramente: la selezione dei titoli nei comparti dei beni di consumo primari e dei beni voluttuari in Svizzera e in Svezia si è rivelata controproducente.
  • Solo la selezione tra titoli Low Vol/Difensivi ha sovraperformato il mercato ribassista, grazie agli apporti favorevoli giunti dalle scelte operate in Spagna, Regno Unito e Belgio.

*Fonte: RAM Active Investments