Commenti

14 Febbraio 2020

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds - European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il fondo ha registrato una flessione dell'1,36%* (classe Ip EUR al netto delle commissioni).

 

Contesto macro:

  • La diffusione del virus letale proveniente dalla Cina è rimasta al centro dell’attenzione degli investitori, condizionando il sentiment nel corso del mese.
  • Tuttavia, rispetto ai mercati emergenti e globali, gli omologhi europei hanno preso le distanze, concentrandosi principalmente sugli sviluppi politici in Italia e nel Regno Unito.
  • Quanto alle notizie economiche, la BoE ha inaugurato il 2020 annunciando che la politica monetaria sarebbe rimasta invariata, con il Bank Rate fermo allo 0,75% e il QE intatto. La decisione di non intervenire sui tassi è stata accolta con disappunto dagli investitori, che sembrano ormai dipendenti dalle azioni poste in essere dalle Banche Centrali, con aspettative sempre crescenti. Dal punto di vista macroeconomico, il Regno Unito ha registrato la crescita più deludente dal 2012 (appena lo 0,6%).
  • I dati sul settore manifatturiero tedesco suggeriscono un consolidamento della domanda, con la fine dell'impatto negativo della guerra commerciale che nel 2019 ha quasi trascinato l'economia in una recessione.
  • In Italia, il governo di coalizione si è trovato nello scompiglio in seguito alle dimissioni di Luigi di Maio dall'incarico di capo politico del Movimento Cinque Stelle. La prospettiva di un ritorno al potere di Salvini ha pesato sui mercati per gran parte del mese, penalizzando in particolar modo i titoli finanziari italiani.

 

A livello di singole strategie,

  1. I titoli Low Vol/Defensive hanno realizzato la migliore sovraperformance relativa del mese, favorendo la protezione del portafoglio;
  2. Anche le azioni GARP/Momentum hanno generato un alfa elevato;
  3. Per contro, i titoli Value hanno stentato, in un mese difficile per gli stock picker con orientamento value.

 

In termini settoriali,

  1. Le perdite sono rimaste circoscritte alle selezioni nell'industria e nei beni di consumo primari.
  2. Sul versante positivo, la selezione di titoli ciclici nei settori della finanza e dei beni voluttuari ha dato un contributo favorevole, mentre le posizioni nei materiali hanno costituito una fonte addizionale di alfa.

 

A livello geografico,

  1. Le scelte di allocazione di sovrappeso relativo sulla Danimarca (sanità) e di sottopeso sulla Svizzera (beni di consumo primari) sono risultate negative;
  2. Buoni risultati ottenuti nel Regno Unito (beni voluttuari) e nei Paesi Bassi (energia). 

*Fonte: RAM Active Investments