Commenti

9 Agosto 2019

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short Emerging Markets Equities funds Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short Emerging Market Equities Fund ha registrato un rendimento di -1,12%* (classe I USD - al netto delle commissioni) nel mese di luglio.   Luglio è stato un mese relativamente privo di eventi fino a quando, verso la fine del periodo, gli investitori hanno spostato la loro attenzione sulle banche centrali internazionali, scommettendo senza alcun indugio su una continuazione dei loro orientamenti accomodanti. Con tutti gli occhi puntati sulla Fed e le aspettative di un taglio dei tassi e di ulteriori dichiarazioni espansive pesantemente inglobate nei prezzi, l'orientamento complessivamente cauto ha deluso le attese dei mercati. Altrove, il riacutizzarsi della guerra commerciale mondiale, innescata dalla minaccia del presidente Trump di introdurre dazi del 10% su altri USD 300 miliardi di beni cinesi, e le tensioni geopolitiche in Corea del Nord, Hong Kong e Iran hanno provocato un'impennata della volatilità a fine mese. Nel frattempo, il ritmo di crescita dell'economia cinese è rallentato al 6,2%, il livello più basso degli ultimi 27 anni. La reazione dei mercati di fronte a queste cifre è stata relativamente impercettibile. Relativamente alle strategie long, l'esposizione Value del Fondo ha fornito l'apporto negativo di maggiore entità, confermando per il momento il periodo di forte difficoltà vissuto da questo stile. La nostra componente Momentum ha risentito delle turbolenze, in particolare del rialzo della volatilità verso fine periodo. I continui affanni dell'approccio Value hanno inoltre avuto l'effetto di assegnare la maglia nera del mese alla componente Machine Learning in termini relativi, che rimane tuttavia la più brillante da inizio 2019. Sul fronte delle strategie short, la componente Value ha generato livelli importanti di alfa, al pari dell'approccio Short ML. Per contro, i portafogli Short Momentum e Quality hanno fatto meglio del mercato, incidendo pertanto negativamente. In termini geografici, le posizioni long in Cina, India e Corea del Sud hanno causato perdite. In Corea del Sud, paese da cui è giunto il principale contributo negativo, i sovrappesi sui titoli industriali e la selezione nel settore dei beni voluttuari sono stati penalizzanti (avendo quest'ultimo complessivamente beneficiato degli annunci di utile del secondo trimestre superiori alle stime di consenso). Tuttavia, la selezione short ha contribuito a compensare parte delle perdite, soprattutto nella componente Short Value. Anche le scelte short operate nei settori cinesi dell'informatica e dei servizi di comunicazione hanno aiutato a generare alfa nel corso del mese. 

*Fonte: RAM Active Investments