Commenti

9 Agosto 2019

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds - North American Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manage

I RAM (Lux) Systematic Funds - North American Equities Fund hanno chiuso il mese con un +1,05%* (classe PI USD - al netto delle commissioni), sottoperformando leggermente l'MSCI North America TRN$ che ha registrato un rendimento di +1,40%.  A luglio l'S&P 500 ha rotto la soglia dei 3000 punti stabilendo un nuovo massimo storico. I timori riaffiorati a maggio (guerra commerciale, tetto del debito USA, ecc.) e sfociati in una correzione generalizzata nell'ordine del 7% sembrano essere passati velocemente nel dimenticatoio. A fronte del contesto accomodante fornito dalla Federal Reserve, l'attenzione degli investitori si è spostata sulle dichiarazioni che hanno accompagnato il taglio dei tassi. Su questo versante, l'orientamento complessivamente cauto ha deluso le aspettative dei mercati. Luglio si è contraddistinto anche per il ritorno in primo piano della guerra commerciale mondiale, con il presidente Trump che ha minacciato di introdurre dazi del 10% su altri USD 300 miliardi di merci cinesi. La notizia è giunta a fine mese ed è stata accompagnata da un brusco aumento della volatilità. A livello settoriale, abbiamo generato alfa nei settori dei servizi di comunicazione e dell'energia, sia a livello di selezione dei titoli che di ponderazioni. Nel settore dei servizi di comunicazione, il ramo media e servizi interattivi è stato particolarmente positivo per i nostri modelli, e alcuni pesi massimi hanno contribuito alla performance. Per quanto riguarda il settore energetico, i sottopesi sul ramo esplorazione e produzione di petrolio e gas si sono rivelati estremamente proficui, dato che il settore nel suo complesso è stato uno dei peggiori del mese. Sul fronte negativo, la nostra sovraesposizione ai farmaceutici all'interno del settore della salute ha inciso sfavorevolmente dopo che la Casa Bianca ha ritirato il piano di riforma dei rimborsi che le case farmaceutiche versano ad assicuratori e distributori. Anche le scelte operate nel settore informatico hanno generato apporti negativi, a causa della selezione inefficace nei rami hardware e archiviazione. Il settore tecnologico statunitense continua ad essere la principale locomotiva dei mercati domestici, piazzandosi al primo posto sia su base mensile sia da inizio anno.

*Fonte: RAM Active Investments