Commenti

9 Agosto 2019

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds -Emerging Markets Equities

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Emerging Markets Equities Fund è sceso di -1,75* (Classe Ip USD - al netto delle commissioni), sottoperformando di poco il rendimento di MSCI Emerging Markets TRN$ di -1,22%. In netto contrasto con le solide performance di giugno, luglio è cominciato relativamente in sordina. A fine mese, tuttavia, gli occhi erano tutti puntati sulla Federal Reserve e la BCE, aspettando una conferma dei rispettivi orientamenti accomodanti. Con tutti gli occhi puntati sulla Fed e le aspettative di un taglio dei tassi e di ulteriori dichiarazioni espansive pesantemente inglobate nei prezzi, l'orientamento complessivamente cauto ha deluso le attese dei mercati. Luglio si è contraddistinto anche per il ritorno in primo piano della guerra commerciale mondiale, con il presidente Trump che ha minacciato di introdurre dazi del 10% su altri USD 300 miliardi di merci cinesi, nonché per l'escalation delle tensioni geopolitiche a Hong Kong (manifestazioni civili), Iran (abbattimento di un drone) e Corea del Nord (test missilistici). Nel frattempo, il ritmo di crescita dell'economia cinese è rallentato al 6,2%, il livello più basso degli ultimi 27 anni. La reazione dei mercati di fronte a queste cifre è stata relativamente impercettibile. In termini fattoriali, è proseguita la sottoperformance del comparto value rispetto a quello growth, un fenomeno che ha mantenuto il divario tra i due su livelli estremi e su cui ci siamo già espressi in precedenza. La nostra componente Momentum ha conseguito performance eccellenti a luglio, in un contesto caratterizzato da un'impennata della volatilità a fine mese. La strategia Machine Learning è stata il fanalino di coda del mese su base relativa, pur rimanendo la più brillante nel 2019. A livello geografico, le perdite hanno riguardato le posizioni detenute in Cina e Corea del Sud. Qui, il nostro sovrappeso sull'industria si è rivelato controproducente, al pari della selezione dei titoli dei beni voluttuari, complessivamente favoriti dagli annunci di utile del secondo trimestre superiori alle stime di consenso. Sul versante positivo, Brasile e Thailandia hanno generato alfa grazie rispettivamente all'efficace combinazione di sovrappesi sui settori utilities e beni di consumo primari e alle scelte prudenti operate nel settore dei beni di consumo primari. In termini settoriali, la selezione nei settori beni di consumo primari e finanza ha generato alfa, mentre informatica e servizi di comunicazione hanno inciso negativamente.

*Fonte: RAM Active Investments