Commenti

2 Luglio 2019

Emmanuel Hauptmann

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds - European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il fondo RAM (Lux) Systematic Funds – European Equities Fund ha chiuso il mese in rialzo del 4,15%* (classe Ip EUR al netto delle commissioni), rispetto al +4,43% dell'indice MSCI Europe TRN. Nel mese di giugno le azioni hanno provato a recuperare le perdite del mese precedente, con i mercati europei che hanno beneficiato dei toni accomodanti delle Banche Centrali mondiali: l’atteggiamento “dovish” della BCE e l’atteso taglio dei tassi di interesse della Fed hanno contribuito ad alimentare il rialzo del mercato, cui hanno partecipato quasi tutti i settori. Le tensioni sul piano commerciale, l'indecisione politica e il rallentamento della crescita sono tutti fattori che hanno afflitto i mercati mondiali in vari momenti del 2019 e continuano a incombere, nonostante le borse europee registrino un progresso del 16% da inizio anno. Niente illustra questa divergenza in modo tanto lampante quanto il contrasto fra lo scenario macro in deterioramento (l'indice PMI tedesco ha registrato una contrazione per il sesto mese consecutivo toccando quota 45) e la performance degli asset rischiosi. Nel mentre, il divario fra le performance dei titoli growth e value continua ad allargarsi a livelli estremi e non si scorgono segnali che facciano presagire un'attenuazione di questo fenomeno, mentre le discrepanze di valutazione hanno raggiunto vette senza precedenti. Questi indicatori dovrebbero indurre gli investitori ad essere più cauti e comprendere a fondo il rischio sottostante ai portafogli. Non stupisce, quindi, che le componenti Value e Defensive abbiano registrato le performance peggiori in termini relativi. La strategia Machine Learning ha visto un'inversione positiva notevole, tramutando rapidamente il suo risultato da uno dei più deludenti a quello migliore del mese, mentre la strategia Momentum ha confermato l'andamento sovraperformante cui abbiamo assistito fin dall'inizio dell'anno. A livello settoriale, a trainare la performance del Fondo sono stati i titoli industriali ed energetici, due aree in cui la nostra selezione della qualità ha permesso di generare ottimi risultati. Nell'energia, il posizionamento e la selezione dei titoli della strategia ML hanno consentito di beneficiare della dispersione fra un numero limitato di titoli che hanno trainato i guadagni, favoriti principalmente dall'andamento mensile molto positivo del settore di petrolio e gas. Nel comparto industriale, il marcato sovrappeso nella regione nordica ha contribuito a generare alfa, in particolare grazie alle componenti Momentum e ML. Sono state invece controproducenti le posizioni nei consumi (di base e voluttuari), come era già accaduto fin dall'inizio del 2019.

*Fonte: RAM Active Investments