Commenti

2 Luglio 2019

Emmanuel Hauptmann, Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Emerging Markets Core Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manage

Il fondo RAM (Lux) Systematic Funds – Emerging Markets Core Equities Fund ha reso il 6,32%* (classe Ip USD al netto delle commissioni) a giugno, sovraperformando l'indice MSCI Emerging Markets TRN, che ha guadagnato il +6,24%. Nel mese di giugno i timori per il commercio mondiale, l'incertezza politica e il rallentamento della crescita si sono complessivamente attenuati e i mercati si sono focalizzati in misura crescente sulle dichiarazioni delle Banche Centrali. La Fed ha riacceso negli investitori le aspettative di un taglio dei tassi di interesse nel 2019, mentre la BCE ha accennato alla possibile esigenza di misure di stimolo aggiuntive nell'Eurozona. Il mercato cinese ha registrato un rialzo alla notizia che i funzionari di Pechino e di Washington riprenderanno a negoziare, dopo il fallimento delle trattative a maggio. Il Brasile ha segnato un rialzo marcato, poiché l'umore degli investitori ha ricevuto impulso dalla crescente probabilità di un taglio dei tassi di interesse sia locali che esteri nei prossimi mesi. Emerge tuttavia una chiara contraddizione tra il rally alimentato dalle Banche Centrali, con gli investitori riluttanti a considerare i rischi di ribasso, e il progressivo indebolimento degli indicatori macroeconomici: un brutto presagio per il ciclo economico e gli utili aziendali. Ulteriori rischi di rallentamento dell'economia mondiale potrebbero tradursi in una vera e propria contrazione degli utili, scenario che nella maggior parte dei portafogli d'investimento non viene preso in considerazione. Nel complesso, le large cap, supportate dai guadagni nei settori più difensivi, hanno fatto meglio sia le mid che le small cap contribuendo alla sovraperformance del Fondo. Tale risultato è riconducibile alla buona selezione dei titoli, mentre le scelte in termini di allocazione e valute si sono rivelate leggermente penalizzanti. Sul piano geografico, la performance mensile ha tratto beneficio dalla selezione dei titoli difensivi sui mercati di Taiwan (IT), India (finanza) e Russia (materiali), ma è stata penalizzata dall'allocazione, a cominciare dal sottopeso sui settori dei servizi di comunicazione e dei beni voluttuari in Cina. A livello settoriale, i titoli individuati nel comparto immobiliare e in quello dei materiali hanno generato ottimi risultati nel mese.

*Fonte: RAM Active Investments