Commenti

Giugno 2019 - Le banche centrali sostengono le attività rischiose - Commenti dei Gestori Sistematici

2 Luglio 2019

Emmanuel Hauptmann

 A giugno i timori per il commercio mondiale, l'incertezza politica e il rallentamento della crescita si sono complessivamente attenuati, poiché i mercati si sono focalizzati in misura crescente sulle dichiarazioni delle banche centrali. La Fed ha rafforzato le attese degli investitori riguardo a un taglio dei tassi d'interesse nel 2019, mentre la BCE ha indicato che potrebbero rendersi necessari ulteriori stimoli per l'eurozona. Il mercato cinese ha registrato un rialzo alla notizia che i funzionari di Pechino e di Washington riprenderanno a negoziare, dopo il fallimento delle trattative a maggio. Emerge una chiara contraddizione tra il rally alimentato dalle banche centrali, con gli investitori riluttanti a scontare i rischi di ribasso, e il progressivo indebolimento degli indicatori anticipatori: un brutto presagio per il ciclo economico e gli utili aziendali. Ulteriori rischi di ribasso dell'economia mondiale potrebbero tradursi in una vera e propria recessione degli utili, scenario che nella maggior parte dei portafogli d'investimento non viene preso in considerazione. Con il graduale insinuarsi dei rischi (di liquidità e di mercato) nei portafogli, dato che la sovraperformance si concentra in una piccola porzione del mercato, riteniamo che un approccio all cap trainato dai fondamentali possa offrire un certo grado di protezione contro i rischi di ribasso per i prossimi mesi.

 

Indici PMI in contrazione

Alcuni indicatori PMI sono recentemente scesi al di sotto della soglia dei 50 punti: paesi come Cina, Spagna e Regno Unito si sono uniti a Germania, Giappone e Corea del Sud, le cui economie avevano cominciato a segnalare una contrazione nei primi mesi dell'anno. Neanche gli indicatori statunitensi sono particolarmente positivi: il programma di tagli fiscali sta dimostrando di avere scarso effetto sulle attese di crescita e i margini d'azione della banca centrale per alimentare la fiducia degli investitori si stanno riducendo sempre più.

 

Indice PMI relativo al settore manifatturiero per area geografica

RAM AI - Indice PMI relativo al settore manifatturiero per area geografica

Fonte: Bloomberg, RAM Active Investments, al 30.06.2019

 

Inversione della curva dei rendimenti

Storicamente, l'inversione della curva dei rendimenti si è dimostrata un indicatore piuttosto attendibile del rischio di recessione. Le banche centrali hanno la possibilità di adottare manovre decise per fronteggiare un potenziale rallentamento dell'economia, ma quando le dinamiche degli utili iniziano a venir meno e il ciclo d'investimento rallenta, è ben difficile che si riesca a controbilanciare interamente la pressione recessiva semplicemente tagliando i tassi. Tra gli osservatori, ci sono svariate voci secondo le quali, dato il basso livello dei tassi d'interesse mondiali e il fatto che le banche centrali abbiano abbondantemente esplorato misure non convenzionali, devono essere le politiche fiscali a imprimere una spinta significativa all'economia. 

 

Rendimenti del Treasury USA: spread

RAM AI - Rendimenti del Treasury USA: spread

Fonte: Bloomberg, RAM Active Investments, al 30.06.2019

 

Questi primi segnali della potenziale fine del ciclo economico del mercato indicano che gli investitori dovrebbero concentrarsi più che mai su:

  • qualità: la capacità delle aziende di condurre le operazioni autonomamente e di rifinanziarsi anche in caso di condizioni finanziarie meno favorevoli dovrebbe essere un criterio prioritario di scelta dei titoli nelle fasi di fine ciclo;
  • liquidità: in periodi di tensione la situazione potrebbe essere drasticamente diversa da quella osservabile in normali condizioni di mercato e la gestione dinamica di questo rischio di contrazione della liquidità è essenziale;
  • diversificazione: mentre le tendenze al rialzo si formano sui mercati in svariati trimestri/anni, i ribassi avvengono molto rapidamente e con intensità difficilmente prevedibile. Pertanto, diversificare è di estrema importanza, soprattutto nel momento attuale del ciclo economico.

Siamo convinti che le nostre soluzioni long-only e long/short altamente liquide, diversificate e basate sulla qualità, che spaziano in tutte le aree geografiche e in tutte le capitalizzazioni di mercato, siano adeguate all'attuale contesto d'investimento. Infine, i modelli proprietari dell'impatto di mercato di RAM riducono notevolmente il rischio di liquidità e i costi, ridimensionando le posizioni caratterizzate da scarsa liquidità e massimizzando l'alfa atteso.

RAM AI - Number of days to liquidate the Portfolio

European Equities

Emerging Markets Equities

Emerging Markets Core Equities

North American Equities

Global Sustainable Income Equities

Long /Short European Equities Fund

Long/Short Emerging Markets Equities

 Long/Short Global Equities