Commenti

30 Aprile 2019

Emmanuel Hauptmann

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short Emerging Markets Equities funds Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short Emerging Market Equities Fund ha ceduto l'1,06%* (classe I USD al netto delle commissioni) ad aprile. Il vigore dei mercati di inizio 2019 è proseguito anche ad aprile, poiché la longevità dell'attuale ciclo economico, alimentata in parte dal tono accomodante delle banche centrali, ha continuato a sostenere gli asset rischiosi. Mentre l'accordo commerciale USA/Cina è passato in secondo piano, gli investitori hanno continuato a cavalcare il rally slegato dai fondamentali, nel quale le large cap mantengono un primato persistente sulle small cap. Date le aspettative diffuse di una deludente stagione degli utili di primo trimestre, gli investitori sono stati piacevolmente sorpresi da una sfilza di risultati positivi che hanno penalizzato le nostre strategie Momentum long e short, alle quali è ascrivibile dunque la peggiore performance. Nel contesto di persistente propensione al rischio sui mercati, anche la componente Defensive long ha prodotto risultati deludenti in termini relativi, nonostante un forte rally messo a segno a fine mese. Sempre sul versante long, la migliore performance relativa del mese è giunta dalla strategia Value, mentre la componente Machine Learning si conferma la più brillante da inizio anno, pur avendo segnato il passo nel periodo in esame. In termini generali, il principale contributo negativo alla performance è giunto dalle strategie short, in quanto gli emittenti di titoli ciclici, con un alto livello di indebitamento o un andamento negativo dei cash flow hanno beneficiato di una riduzione delle pressioni. Ne è un esempio il restringimento degli spread creditizi delle obbligazioni BBB e BB globali (tornati in linea con i livelli del 2017), che evidenzia il clima generalizzato di propensione al rischio. Questi titoli di bassa qualità hanno messo a segno una solida performance da inizio anno sulla scia dell'andamento slegato dai fondamentali che ha giocato finora a loro vantaggio. Nel portafoglio short, gli approcci Momentum e Value sono stati penalizzati, mentre la strategia Quality ha battuto il mercato più ampio, generando un alfa positivo. Da una prospettiva geografica, le posizioni short in Cina hanno eroso il rendimento in quanto i titoli ciclici ad alto beta dei settori informatica e finanza hanno sopravanzato il mercato. Un apporto negativo è giunto anche dalle posizioni short fuori benchmark in Australia, annullando i guadagni realizzati con la selezione delle posizioni long. Sul versante positivo, il puro effetto della selezione long in Brasile ha dato impulso alla performance, al pari dello stock picking di posizioni lunghe in Malaysia e Thailandia. Infine, abbiamo notato che le correlazioni tra i fattori utilizzati nei nostri modelli hanno iniziato a diminuire, il che potrebbe dimostrarsi un catalizzatore per la performance delle nostre strategie sia long che short nei prossimi mesi.

*Fonte: RAM Active Investments