Commenti

9 Gennaio 2019

Thomas de Saint-Seine

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds - European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds – European Equities Fund ha registrato un andamento in linea con il benchmark, facendo segnare un -5,56%* (classe Ip EUR al netto delle commissioni), a fronte del -5,53% dell'indice MSCI Europe TRN. Durante il mese i mercati azionari europei hanno perso terreno in un clima di timore suscitato dalla persistente incertezza scaturita dal rischio geopolitico e dalle decisioni delle autorità. Gli investitori europei hanno dovuto confrontarsi con i negoziati inconcludenti sulla Brexit che hanno dominato la scena politica, unitamente alle violenti proteste in Francia e all'indebolimento dell'autorità politica della Germania di Angela Merkel. L'approccio diversificato del Fondo ci ha permesso di tenere il passo con il mercato, grazie al solido contributo positivo della componente Defensive (l'unica a registrare una sovraperformance significativa nel mese) che ha compensato l'impatto negativo del nostro orientamento all cap; a dicembre le azioni a bassa capitalizzazione hanno evidenziato di nuovo una netta sottoperformance. Dal punto di vista settoriale, gli apporti peggiori sono giunti dai settori dei materiali e dell'energia.  Per quanto concerne il primo, i titoli britannici e francesi hanno eroso notevolmente la performance. Discorso analogo vale per il comparto dell'energia, penalizzato dal calo dei prezzi delle commodity, con i produttori di petrolio e gas olandesi e norvegesi che hanno pesato sul risultato. Sul versante positivo, le posizioni nelle utility e nei servizi di comunicazione hanno favorito la performance, annullando tali perdite. A livello geografico, la selezione dei titoli e il sovrappeso in Svezia si sono rivelati estremamente vantaggiosi, al pari dell'eccellente stock picking in Belgio. Per contro, il portafoglio ha risentito dell'effetto negativo dell'allocazione in Francia (sottopeso) e in Norvegia (sovrappeso), come pure di una debole selezione dei titoli nel Regno Unito.

 

*Fonte: RAM Active Investments