Commenti

14 Novembre 2018

Emmanuel Hauptmann

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Fund ha ceduto il 3,81%* (classe I EUR al netto delle commissioni) nel mese di ottobre. Le azioni europee sono rimaste particolarmente instabili negli ultimi mesi, e ottobre non ha fatto eccezione, poiché le notizie macroeconomiche negative legate agli sviluppi politici in Italia e nel Regno Unito continuano a gettare un'ombra sulle prospettive di crescita e a deteriorare il clima di mercato. Queste rotazioni del mercato possono rivelarsi dolorose, ma non abbiamo modificato la nostra esposizione per assicurarci di poter sfruttare le inversioni che tendono a verificarsi in seguito. Anche i nostri omologhi sono stati penalizzati, alcuni molto più duramente, e in molti casi hanno registrato le peggiori performance mensili dalla crisi del 2008. Ottobre ha offerto un contesto straordinariamente difficile per lo stock picking; le principali posizioni long hanno sottoperformato i rispettivi indici e, come se non bastasse, le principali posizioni short hanno sopravanzato i loro. Nel complesso, le strategie long hanno eroso il risultato, in particolare le componenti Momentum e Machine Learning (ML). La strategia Defensive è andata in controtendenza, confermando l'ottimo andamento da inizio anno e proteggendo il Fondo da ulteriori perdite. La componente Value ha avuto un mese contrastato. Ancora una volta, questo mese le nostre strategie short, in primis Short Value e Short ML, hanno generato un alfa notevole. Solo l'approccio Short GARP/Momentum ha stentato a guadagnare terreno a causa di un rally di metà mese, quando i titoli growth hanno ritrovato il favore del mercato e si sono verificate rotazioni settoriali e di stile. A livello geografico le posizioni short in Svizzera, nel Regno Unito e in Germania si sono rivelate premianti. Tuttavia, nella componente long la selezione dei titoli in Svizzera, Danimarca e Austria ha inciso negativamente sul risultato. A livello settoriale, le posizioni long su salute, prodotti industriali e in particolare materiali hanno eroso in misura significativa la performance. Nonostante queste perdite, sono giunti contributi positivi dalle posizioni short su titoli finanziari e industriali. I nostri modelli hanno subito poche modifiche nel corso del mese: sottolineiamo la diminuzione dell'esposizione netta al Regno Unito, a favore di Norvegia, Finlandia e Austria. Le principali posizioni short nette sono su Germania e Svizzera, mentre le maggiori posizioni long nette riguardano Svezia e Norvegia. A livello settoriale, tra le modifiche citiamo le notevoli riduzioni nette di salute e informatica, mentre le esposizioni nette al comparto finanziario sono aumentate.

* Fonti: RAM Active Investments