Commenti

10 Ottobre 2018

Maxime Botti

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Fund ha guadagnato lo 0,26%* (classe I EUR al netto delle commissioni) nel mese di settembre. Mentre i mercati azionari europei hanno mostrato segnali di instabilità nei mesi recenti, per via del flusso di notizie macroeconomiche negative che getta un'ombra sulle prospettive di crescita, il nostro approccio beta neutral ha generato risultati ammirevoli. Nel complesso, le strategie long hanno pesato sulla performance, con i portafogli Value e Defensive particolarmente deludenti in termini relativi, mentre la componente Machine Learning ("ML") ha dato impulso al risultato. Le strategie short sono state all'origine di un'ampia generazione di alfa. I portafogli Short Value, Short Quality e Short ML hanno infatti tutti sottoperformato rispetto al benchmark, favorendo così la performance del fondo. A livello geografico le posizioni short in Austria e Germania si sono nel complesso rivelate premianti, come pure l'esposizione al Regno Unito. Tuttavia, sul lato long la selezione dei titoli in Svizzera, Svezia e Regno Unito ha inciso negativamente sul risultato. Sul piano settoriale, nell'ambito delle strategie short, la selezione dei titoli nei comparti informatico, dei beni voluttuari e degli industriali ha generato alfa. Le posizioni long sui finanziari all'interno del portafoglio Value hanno eroso la performance, in particolare a causa di un titolo britannico. I nostri modelli hanno apportato diverse modifiche significative in termini di allocazione nel corso del periodo, con un incremento dell'esposizione netta alla Svizzera (ancora corta), il passaggio da una posizione in Italia da corta netta a lunga e la limatura dell'esposizione netta al Regno Unito. Molto meno pronunciati i cambiamenti sul piano settoriale, con un solo forte incremento dell'esposizione netta agli industriali a scapito dei titoli energetici e dei beni di consumo primari. Gli industriali rappresentano adesso la posizione netta lunga più ampia del Fondo.

* Fonti: RAM Active Investments