Commenti

10 Ottobre 2018

Maxime Botti

RAM Active Investments  RAM (Lux) Systematic Funds, Global Shareholder Yield Equities Fund,Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

Il RAM (Lux) Systematic Funds - Global Shareholder Yield Equities Fund ha reso lo 0,52%* (classe Ip USD al netto delle commissioni), sottoperformando l'indice MSCI World High DY TRN di appena lo 0,46% nel corso del mese. Le criticità tematiche del mese precedente sono entrate in gioco anche a settembre, quando la sottoesposizione strutturale del Fondo al Nord America a favore dell'Asia ha continuato a frenare la performance. Le azioni asiatiche sono tuttora penalizzate dalla guerra commerciale a tutto campo con gli Stati Uniti, mentre i titoli nordamericani fanno registrare un record dopo l'altro. A parte l'effetto negativo dell'allocazione (quasi interamente circoscritto agli Stati Uniti), la selezione dei titoli ha contribuito ad attenuare le perdite generando un alfa considerevole, nonostante il mese difficile per i fondi diversificati come il nostro. Dal punto di vista della selezione a livello geografico, anche i Paesi Bassi e la Corea del Sud hanno inciso negativamente, al contrario di Regno Unito e Giappone che hanno invece fornito un apporto positivo. Per quanto riguarda il Regno Unito, il contributo favorevole è perlopiù ascrivibile al sottopeso dei beni di consumo primari e alla selezione dei titoli all'interno di questo comparto. Sul piano settoriale, la sottoperformance relativa nel mese è imputabile in larga misura ai finanziari e al segmento dell'informatica. Tuttavia, gli effetti positivi della selezione nel settore dei servizi di comunicazione e in quello dell'industria hanno compensato in parte le perdite. L'attività è stata piuttosto intensa nel periodo, con notevoli riduzioni delle posizioni nei Paesi Bassi, a Hong Kong e in Giappone, per lo più a vantaggio del mercato statunitense (la cui ponderazione adesso è molto più in linea con l'indice). A livello settoriale, l'esposizione all'industria e ai beni di consumo primari è stata limata, mentre abbiamo quasi raddoppiato quella nei confronti dell'informatica.

* Fonti: RAM Active Investments