Commenti

10 Giugno 2021

Philippe Huber, Tony Guida

RAM (Lux) Systematic Funds – Diversified Alpha (Classe PI USD al netto delle commissioni*) ha chiuso maggio con un risultato lievemente negativo dello 0,27%.

Per quanto riguarda le azioni, maggio è stato un mese nettamente più tranquillo in termini di dispersione e volatilità, con livelli dell'indice VIX che ora si avvicinano maggiormente a quelli dell'era pre-Covid. A livello globale, i mercati continuano a reagire all'alternanza tra timori e necessità di inflazione nonché alla possibilità di una riduzione degli stimoli negli Stati Uniti che ne può derivare. La corsa al rialzo delle materie prime, iniziata 14 mesi fa, non è ancora finita, specialmente nei settori energetico e agricolo.

La nostra strategia si basa sul nostro processo di algoritmi proprietari Genetici, che permettono di costruire portafogli di strategie a breve, medio e lungo termine volte a trarre vantaggio dai fenomeni di trend trading e reversal trading tra e all'interno delle asset class. In questo contesto di minore dispersione nell'universo azionario e di minore volatilità tra gli asset, la nostra esposizione ai futures (specialmente su materie prime) ha registrato nuovamente un andamento positivo. Penalizzanti, invece, le strategie azionarie a breve termine.

La prima parte del mese è stata particolarmente difficile per i nostri programmi Cash Equity (specialmente per le azioni giapponesi), mentre l'esposizione ai futures, trainata dalle materie prime, ha conseguito risultati estremamente brillanti per tutto il mese.

La componente azionaria del fondo ha registrato una performance negativa (-172 pb), globalmente penalizzata dalle posizioni short nei settori più ciclici.

Il programma Futures ha fornito risultati positivi (+135 pb), soprattutto grazie alle obbligazioni e alle materie prime legate ai metalli.

A maggio, infatti, le strategie sulle obbligazioni a medio e breve termine si sono rivelate redditizie.

Le strategie basate sui metalli hanno aiutato il fondo a limitare l'effetto negativo di singoli titoli azionari.

 

I migliori contributi mensili sono arrivati dalle posizioni su oro e nickel.

Di contro, i principali apporti negativi sono giunti dall'esposizione ai futures su valute e sulla soia.

 

*Fonte: RAM Active Investments