Commenti

13 Aprile 2021

Philippe Huber, Tony Guida

Il fondo RAM (Lux) Systematic Funds - Diversified Alpha Fund (Classe PI USD al netto delle commissioni*) ha chiuso il primo trimestre con un risultato del +1,75% in marzo, che porta la performance netta dell'intero trimestre al +7,45%.

Marzo segna la fine di un primo trimestre che ha dimostrato, ancora una volta, che il 2021 sarà ricco di eventi difficilmente prevedibili e sarà causa di grandi dispersioni di rendimento a breve termine.

Il contesto di rendimenti obbligazionari in aumento e la battuta d'arresto degli Indici delle materie prime hanno contrassegnato un clima di volatilità trasversale alle diverse asset class.

Anche il mercato azionario ha risentito delle brutte notizie e dei potenziali effetti collaterali legati al default di Archegos a fine mese.

La strategia sfrutta il nostro processo di ottimizzazione di portafoglio con Algoritmi Genetici, che permettono di beneficiare di strategie a breve, medio e lungo termine tra e all'interno delle asset class.

A livello strategico, in questo contesto di volatilità:

  • la componente di reversal trading a breve termine in ambito azionario ha trainato il risultato mensile.
  • Per contro, le componenti di trend trading (a medio e lungo termine) dei programmi Futures hanno eroso la performance.
  • A marzo, le prese di beneficio sulle materie prime, dopo lo straordinario rialzo registrato da inizio 2021, hanno penalizzato la componente di trend trading del programma Futures.
  • Di conseguenza, il portafoglio Futures del fondo ha archiviato una performance complessiva negativa (-150 pb).
  • Le posizioni long hanno nell'insieme sottoperformato, mentre quelle short hanno fornito in media un apporto positivo, specialmente nel book valutario.
  • Dopo un risultato modesto a febbraio, il programma Cash Equity ha sostenuto la performance del fondo (317 pb), principalmente attraverso l'esposizione al reversal trading a breve termine, beneficiando dell'aumento della volatilità nell'immediato.
  • Il miglior contributo del mese è arrivato dalle posizioni short sulle obbligazioni statunitensi a lungo termine e dall'allocazione nelle utility.
  • L'apporto più sfavorevole è invece imputabile all'esposizione long ai futures sulle azioni emergenti, per lo più a causa dei recenti eventi in Turchia.

*Fonte: RAM Active Investments