Commenti

Incertezze su elezioni USA e Covid-19, ma tensioni contenute

13 Novembre 2020

Clement Perrette

RAM (Lux) Tactical Funds - Global Bond Total Return fund - Gilles Pradère Senior Fund Manager, Fixed Income

A ottobre i mercati hanno registrato movimenti idiosincratici.

  • Se negli Stati Uniti i tassi sono aumentati a causa dell'attesa "onda blu" dei democratici, in Europa sono diminuiti per via delle previsioni di un intervento della BCE in risposta ai recenti ulteriori lockdown e all'evoluzione dei dati economici.
  • Nonostante il mese si sia rivelato piuttosto difficile per i mercati azionari statunitensi ed europei, gli spread creditizi hanno evidenziato un buon andamento.
  • Il supporto fornito dalle Banche Centrali continua a limitare la volatilità e le tensioni finanziarie.
  • Le obbligazioni high yield statunitensi hanno messo a segno una performance positiva nonostante il declino delle azioni USA e il lieve incremento dei tassi.
  • I movimenti del mercato sono strettamente legati ai risultati attesi dalle elezioni presidenziali; le aspettativa si muovono verso un ampio pacchetto di stimoli da parte dei Democratici; inoltre, l'attuale programma di QE degli USA non basta più ad assorbire la nuova offerta di Treasury. Sembra inoltre improbabile che i Democratici conquistino la maggioranza in Senato, e saranno quindi costretti a trovare un accordo con i Repubblicani per approvare un'importante riforma fiscale. La Fed è inoltre molto attenta a qualsiasi aumento significativo dei rendimenti reali che possa ridurre l'efficacia della sua politica, e questi due fattori potrebbero limitare il rialzo dei rendimenti.
  • Con una recrudescenza dei casi di Covid-19 in Europa, diversi Stati hanno imposto nuovi lockdown. Inaspettate dai più, queste misure creano qualche incertezza, ma nella misura in cui gran parte dell'economia rimane aperta, l'impatto sarà meno deleterio rispetto a marzo.

Portafoglio Tradizionale:

  • Con il ritorno dei tassi sui minimi in Europa e gli spread relativamente ristretti, abbiamo effettuato prese di profitto sulle emissioni high grade in EUR dopo una robusta performance.
  • Come a settembre, abbiamo approfittato della correzione azionaria per incrementare l'esposizione alle obbligazioni AT1 emesse da grandi banche dell'eurozona con un bilancio solido, poiché questi istituti sono necessari per favorire un buon flusso di credito.
  • Abbiamo anche continuato a investire in titoli high yield degli Stati Uniti e dell'eurozona, che dovrebbero restare sostenuti.
  • Il nostro portafoglio tradizionale ha reso il +0,02% (al lordo delle commissioni), con la performance in EUR che ha compensato quella in USD.

Portafoglio Non-Tradizionale:

  • come a settembre, vista la stabilità complessiva degli spread, le strategie non tradizionali si sono mosse poco: -0,01% nel mese (al lordo delle commissioni).

Portafoglio Valutario:

  • Abbiamo costruito una posizione long su JPY vs EUR a scopo di diversificazione.
  • Manteniamo le posizioni long su NOK, SEK, CAD e adesso JPY contro USD ed EUR. La NOK ha eroso in parte la performance con l'aumento delle tensioni a fine mese, ma le altre valute hanno sovraperformato.
  • L'esposizione valutaria ha generato un rendimento del +0,02% (al lordo delle commissioni).

La Classe B USD del fondo RAM (Lux) Tactical Funds – Global Bond Total Return ha chiuso il mese con un risultato del -0,06% al netto delle commissioni. La duration si è attestata a 4,6 anni, con una qualità media del credito pari ad A.

*Fonte: RAM Active Investments