Commenti

6 Dicembre 2019

Emmanuel Hauptmann

 Il RAM (Lux) Systematic Funds - Global Sustainable Income Equities Fund ha chiuso il mese di novembre in rialzo del 2,07%* (classe Ip USD al netto delle commissioni), sovraperformando l'indice MSCI World High DY TRN, che ha guadagnato l'1,48%. I mercati si sono trovati nuovamente in balia del sentiment relativo all'ultimo accordo commerciale sino-statunitense, con gli investitori che rimangono assetati di indicazioni riguardo ai progressi sul perfezionamento di un cosiddetto "accordo commerciale di fase uno". L'attuale narrazione suggerisce un quadro complessivamente favorevole per i mercati azionari globali, in quanto la decisione della Federal Reserve di effettuare tre tagli dei tassi d'interesse ha contribuito a evitare una recessione incipiente. Stranamente, il clima di fiducia sembra migliorare anche se le dinamiche economiche sottostanti registrano un peggioramento. I dati economici pubblicati nel corso del mese indicano che le economie di Stati Uniti e Cina hanno cominciato a risentire degli effetti negativi della guerra commerciale in atto da due anni, con la crescita economica cinese scesa sui minimi degli ultimi 30 anni e un rallentamento dell'espansione statunitense. Al contempo, in Europa i mercati sono saliti a livelli che non si osservavano dal 2015, nonostante la situazione economica dipinga un quadro completamente diverso. Il clima di fiducia sembra migliorare anche se le dinamiche economiche sottostanti registrano un peggioramento; il settore manifatturiero tedesco orientato alle esportazioni ha infatti continuato a perdere terreno, mentre l'economia britannica ha evidenziato un'espansione dello 0,3% lo scorso trimestre, dopo una contrazione nel secondo, con un rallentamento della crescita annua ad appena l'1%. A livello regionale, la nostra significativa sovraperformance è riconducibile principalmente al nostro modello nordamericano, mentre l'Asia ha segnato il passo e l'Europa ha lievemente sovraperformato. All'ottimo risultato del portafoglio hanno contributo le posizioni in settori ciclici quali i servizi di comunicazione, l'informatica e i beni voluttuari, in quanto l'evidente rotazione dai titoli difensivi a quelli ciclici ha giovato al nostro tema del reddito. Apporti significativi alla generazione di alfa sono giunti inoltre da Singapore (energia e finanza) e dal Regno Unito (salute e servizi di comunicazione).

*Fonte: RAM Active Investments