Commenti

7 Novembre 2019

Emmanuel Hauptmann

RAM Active Investments RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Maxime Botti Partner & Senior Systematic Equity Fund Manager

A ottobre il RAM (Lux) Systematic Funds - Long/Short European Equities Fund ha ceduto lo 0,30%* (classe I EUR al netto delle commissioni). A ottobre le azioni europee hanno segnato un marcato rialzo, sostenute dalla decisione dell'Unione europea di accordare al Regno Unito una proroga di tre mesi sulla Brexit, dagli incoraggianti dati sul settore manifatturiero cinese e dai forti afflussi di asset verso la regione. Quest'apparente tregua degli attriti geopolitici ha continuato a sostenere gli asset rischiosi, incrementando ulteriormente il divario tra le azioni europee e i loro fondamentali. Nel complesso, il nostro portafoglio long ha generato un alfa particolarmente elevato, grazie in particolare alla performance relativa delle componenti Value e Machine Learning, favorita dalla dispersione del mercato, che ci ha consentito di acquisire azioni caratterizzate da una redditività sostenibile e capacità di generare cash flow. Su altri fronti, la strategia Momentum ha gravato sulla performance in seguito a una correzione a metà del mese e anche il comparto Defensive ha inciso negativamente. Infine, il Fondo ha risentito della volatilità nelle strategie short, richiamando fortemente le turbolenze di settembre, anche se su scala ridotta, quando un forte rally scaturito dall'accordo parziale raggiunto tra USA e Cina ha innescato un'ondata di acquisti indiscriminati di azioni da parte degli investitori. Le società di bassa qualità (che erodono cash flow) sono state riacquistate dal mercato, a scapito di quelle con fondamentali più solidi (es. i titoli di qualità). Ciò ha innescato, a metà del mese, un ampliamento degli spread tra le componenti long e short della strategia Momentum, ampiamente alimentato da un'infausta rotazione settoriale che ha colpito entrambe le componenti del portafoglio; i settori dei beni di prima necessità, dell'informatica e immobiliare hanno tutti perso terreno, mentre i titoli dell'energia, della finanza e dei materiali hanno tutti guadagnato terreno. Su altri versanti, la strategia Short Value ha realizzato la migliore performance relativa del mese. A livello geografico, le posizioni long in Belgio sono state molto proficue, come anche la selezione su entrambi i lati del portafoglio in Finlandia e nei Paesi Bassi. Viceversa, le posizioni short nel Regno Unito e in Germania hanno sovraperformato, penalizzando così la performance complessiva.  

*Fonte: RAM Active Investments